Il neoliberismo: ipervenduto?

Si aprono crepe nelle certezze dei teorici e dei praticanti le politiche neo-liberiste che hanno destabilizzato il welfare nell’occidente e imposto modelli di sviluppo che hanno devastato il resto del mondo.

In questi giorni si stanno delineando fratture definitive nel fronte dei teorici e dei praticanti le politiche neo-liberiste. Anche nella pubblicazione ufficiale del Fondo Monetario Internazionale, Finanza & Sviluppo,  tre dei principali economisti, di quella che è stata l’arma principale delle politiche monetariste e neo-liberiste, descrivono le illusioni e le bugie delle teorie economiche che ispirano ancora oggi le politiche dei governi di quasi tutto il mondo.

Vi propongo la traduzione di questo importante testo. Qui l’articolo originale.

 

Il neoliberismo: ipervenduto?

Invece di creare crescita, alcune politiche neoliberiste hanno aumentato le disuguaglianze che, a loro volta, metteno a repentaglio un’espansione durevole.

Traduzione da “Finanza & Sviluppo, giugno 2016, vol. 53, No. 2”

di: Jonathan D. Ostry, Prakash Loungani, and Davide Furceri

Milton Friedman nel 1982 ha salutato il Cile come un “miracolo economico”. Quasi un decennio prima, il Cile si era rivolto a politiche che da allora sono state ampiamente emulate in tutto il mondo. Il programma neoliberista- un’etichetta utilizzata più dalla critica che dagli architetti delle politiche – poggia su due assi principali. La prima è una maggiore concorrenza, raggiunta attraverso la deregolamentazione e l’apertura dei mercati nazionali, compresi i mercati finanziari, alla concorrenza estera. Il secondo è un ruolo minore per lo Stato, raggiunta attraverso la privatizzazione e limiti alla capacità dei governi di correre i deficit fiscali e accumulare debiti.

Vi è stata una tendenza forte e diffusa globale verso il neoliberismo dal 1980, secondo un indice composito che misura la misura in cui i paesi ha introdotto la concorrenza in diversi settori di attività economica per promuovere la crescita economica. Come mostrato nel pannello di sinistra della figura 1, spinta del Cile ha iniziato una decina di anni prima di quanto 1982 con le successive modifiche della politica portandolo sempre più vicino agli Stati Uniti. Altri paesi hanno anche costantemente attuato politiche neoliberiste (vedi tabella 1, pannello di destra).

ostry1_sml
Figura 1

C’è molto di cui rallegrarsi nel programma neoliberale. L’espansione del commercio mondiale ha salvato milioni di persone dalla povertà. Gli investimenti diretti esteri è stato spesso un modo per trasferire tecnologia e know-how per le economie in via di sviluppo. La privatizzazione delle imprese statali ha in molti casi hanno portato a disposizione più efficiente dei servizi e abbassato il carico fiscale sui governi.

 

Tuttavia, ci sono aspetti del programma neoliberale che non hanno funzionato come previsto. La nostra valutazione del programma si limita agli effetti delle due politiche: restrizioni rimozione sulla circolazione dei capitali attraverso le frontiere di un paese (cosiddetta liberalizzazione in conto capitale); e il risanamento di bilancio, a volte chiamato “austerità”, che è una scorciatoia per le politiche per ridurre i disavanzi di bilancio e livelli di debito. Una valutazione di queste specifiche politiche (piuttosto che il vasto programma neoliberale) raggiunge tre conclusioni inquietanti:

  • I benefici in termini di aumento della crescita sembrano abbastanza difficile stabilire quando si guarda un ampio gruppo di paesi.
  • I costi in termini di aumento della disuguaglianza sono prominenti. Tali costi incarnano il trade-off tra la crescita e patrimoniali effetti di alcuni aspetti del programma neoliberale.
  • Aumento della disuguaglianza a sua volta fa male il livello e la sostenibilità della crescita. Anche se la crescita è l’unico o principale del programma neoliberista, i sostenitori di quel giorno ancora bisogno di prestare attenzione agli effetti distributivi.

Aprire e chiudere?

Come ha notato Maurice Obstfeld (1998), “la teoria economica non lascia dubbi circa i potenziali vantaggi” di liberalizzazione in conto capitale, che è anche talvolta chiamato apertura finanziaria. Si può consentire al mercato internazionale dei capitali per convogliare il risparmio mondiali agli usi più produttivi in tutto il mondo. Lo sviluppo di economie con un piccolo capitale può prendere in prestito per finanziare gli investimenti, promuovendo così la crescita economica senza la necessità di un forte aumento del loro risparmio. Ma Obstfeld anche sottolineato i “pericoli veri” di apertura ai flussi finanziari stranieri e ha concluso che “questa dualità dei benefici e dei rischi è inevitabile nel mondo reale.”

Questo, infatti,sembra essere il caso. Il legame tra l’apertura finanziaria e la crescita economica è complessa. Alcuni afflussi di capitali, come gli investimenti diretti esteri, che possono includere un trasferimento di tecnologia o di capitale-do umano sembrano stimolare la crescita a lungo termine. Ma l’impatto di altri flussi, ad esempio investimenti di portafoglio e bancario e soprattutto caldo, o speculativi, di debito afflussi-sembra né per rilanciare la crescita, né consentire al paese di migliori condividono i rischi con i propri partner commerciali (Dell’Ariccia e altri, 2008; Ostry , Prati, e Spilimbergo, 2009). Questo suggerisce che la crescita e di condivisione dei rischi benefici di flussi di capitale dipendono dal tipo di flusso viene presa in considerazione; può anche dipendere dalla natura di sostenere istituzioni e delle politiche.

Anche se i benefici della crescita sono incerti, i costi in termini di maggiore volatilità economica e la frequenza di crisi sembrano più evidenti. Dal 1980, ci sono stati circa 150 episodi di picchi di afflussi di capitale in più di 50 paesi emergenti; come mostrato nel pannello di sinistra della figura 2, circa il 20 per cento del tempo, questi episodi finisce in una crisi finanziaria, e molte di queste crisi sono associati con grandi cali di uscita (Ghosh, Ostry, e Qureshi, 2016).

ostry2_sml
Figura 2

La pervasività di espansioni e dà credito alle affermazioni da economista di Harvard Dani Rodrik che questi “non sono affatto un evento secondario o di una macchia minore in flussi internazionali di capitali; essi sono la storia principale. “Mentre ci sono molti piloti, una maggiore apertura conto capitale figure costantemente come un fattore di rischio in questi cicli. Oltre ad aumentare le probabilità di un crash, apertura finanziaria ha effetti distributivi, aumentando sensibilmente la disuguaglianza (vedi Furceri e Loungani, 2015, per una discussione dei canali attraverso i quali questa opera). Inoltre, gli effetti di apertura sulla disuguaglianza sono molto più alti, quando un incidente deriva (Tabella 2, pannello di destra).

 

Le prove di montaggio in alto rapporto costo-beneficio del conto capitale apertura, con particolare riguardo ai flussi a breve termine, ha portato l’ex primo vice direttore generale del FMI, Stanley Fischer, ora il vice presidente della Reserve Board degli Stati Uniti Federal, a esclamare recente: “che scopo utile è servita da flussi internazionali di capitali a breve termine” Tra i politici di oggi, vi è una maggiore accettazione di controlli per limitare i flussi di debito a breve termine che sono visti come rischia di portare ad-o composto-una crisi finanziaria . Mentre le politiche non sono disponibili scambio unico strumento e finanziari possono anche aiutare a capitale controlli sono una valida, e, a volte l’unica, opzione quando la fonte di un boom del credito insostenibile è la raccolta diretta dall’estero (Ostry e altri, 2012).

Dimensioni dello Stato

Frenare la dimensione dello stato è un altro aspetto del programma neoliberale. La privatizzazione di alcune funzioni di governo è un modo per raggiungere questo obiettivo. Un altro è di limitare la spesa pubblica attraverso limiti alle dimensioni del deficit di bilancio e sulla capacità dei governi di accumulare debiti. La storia economica degli ultimi decenni, offre molti esempi di tali cordoli, come ad esempio il limite del 60 per cento del PIL per il set di paesi di aderire alla zona euro (uno dei cosiddetti criteri di Maastricht).

La teoria economica fornisce scarse indicazioni sul target debito pubblico ottimale. Alcune teorie giustificare più alti livelli di debito (in quanto la tassazione è distorsiva) e da altri luoghi di negativi livelli più bassi, o addirittura (da shock avversi richiedono risparmio precauzionale). In alcuni dei suoi consigli politica fiscale, il FMI ha espresso preoccupazione soprattutto con il ritmo con cui i governi riducono i deficit e livelli di debito seguito l’accumulo di debito nelle economie avanzate indotte dalla crisi finanziaria globale: troppo lento sarebbe innervosire i mercati; troppo veloce potrebbe far deragliare il recupero. Ma il FMI ha anche sostenuto per il pagamento verso il basso gli indici di indebitamento a medio termine in un ampio mix di paesi avanzati ed emergenti, principalmente come assicurazione contro shock futuri.

Ma c’è davvero un caso difendibile per paesi come la Germania, il Regno Unito, o negli Stati Uniti per pagare il debito pubblico? Due argomenti di solito sono fatti a sostegno di pagare il debito nei paesi con ampio spazio-che fiscale è, nei paesi in cui c’è poca vera prospettiva di una crisi fiscale. La prima è che, anche se le grandi shock avversi come la Grande Depressione del 1930 o la crisi finanziaria globale degli ultimi dieci anni si verificano raramente, quando lo fanno, è utile aver utilizzato i periodi di calma per pagare il debito. Il secondo argomento si basa sul concetto che l’elevato debito è un male per la crescita e, di conseguenza, per gettare una solida base per la crescita, pagando il debito è essenziale.

E’ sicuramente il caso che molti paesi (come quelli dell’Europa meridionale) hanno poca scelta ma di impegnarsi nel risanamento del bilancio, perché i mercati non permetterà loro di continuare l’indebitamento. Ma la necessità di un consolidamento in alcuni paesi non significa che tutti i paesi, almeno in questo caso, la cautela di “one size fits all” sembra del tutto giustificato. I mercati in generale attribuiscono molto basse probabilità di una crisi del debito per i paesi che hanno un forte record di essere fiscalmente responsabili (Mendoza e Ostry, 2007). Tale esperienza consente loro di latitudine a decidere di non aumentare le tasse o tagliare la spesa produttiva quando il livello del debito è alto (Ostry e altri, 2010; Ghosh ed altri, 2013). E per i paesi con un forte track record, il beneficio della riduzione del debito, in termini di assicurazione contro un futuro crisi fiscale, risulta essere notevolmente piccolo, anche a livelli molto elevati di debito e PIL. Ad esempio, passando da un rapporto debito di 120 per cento del PIL al 100 per cento del PIL nel corso di pochi anni acquista il paese molto poco in termini di riduzione del rischio di crisi (Baldacci e altri, 2011).

Ma anche se la prestazione assicurativa è di piccole dimensioni, può essere ancora la pena di incorrere se il costo è sufficientemente bassa. Risulta, tuttavia, che il costo potrebbe essere larga molto più grande beneficio. La ragione è che, per arrivare a un livello di indebitamento più basso, le imposte che distorcono i comportamenti economici hanno bisogno di essere sollevato, temporaneamente o spesa produttiva deve essere tagliato, o entrambe le cose. I costi delle aumenti delle tasse o tagli di spesa necessari per abbattere il debito può essere molto più grande il rischio di crisi riduzione generata dal debito inferiore (Ostry, Ghosh, e Espinoza, 2015). Questo non significa negare che l’elevato debito è un male per la crescita e il benessere. È. Ma il punto chiave è che il costo sociale dal debito più alto (il cosiddetto onere del debito) è uno che è già stato sostenuto e non possono essere recuperati; è un costo sommerso. Di fronte a una scelta tra il vivere con il debito che permette il rapporto debito più elevato di rifiutare organicamente attraverso la crescita, o deliberatamente mantenere avanzi di bilancio per ridurre il debito, i governi con ampio spazio fiscale faranno meglio vivendo con il debito.

Le politiche di austerità non solo generano ingenti costi sociali dovuti per la fornitura di canali sul lato, ma anche male della domanda e, quindi, peggiorano occupazione e disoccupazione. L’idea che i consolidamenti fiscali possono essere espansivo (cioè, aumentare la produzione e l’occupazione), in parte aumentando la fiducia del settore privato e degli investimenti, è stato sostenuto, tra gli altri, l’economista di Harvard Alberto Alesina nel mondo accademico e l’ex Banca centrale europea il presidente Jean-Claude Trichet nell’arena politica. Tuttavia, in pratica, episodi di consolidamento fiscale sono state seguite in media da gocce piuttosto che da espansioni in uscita. In media, un consolidamento di 1 per cento del PIL aumenta il tasso di disoccupazione di lunga durata di 0,6 punti percentuali e aumenta del 1,5 per cento in cinque anni la misura di Gini della disuguaglianza di reddito (Palla e altri, 2013).

In sintesi, i benefici di alcune politiche che sono una parte importante del programma neoliberale sembrano essere stati un po ‘esagerato. Nel caso di apertura finanziaria, alcuni flussi di capitale, come gli investimenti diretti esteri, sembrano conferire i benefici dichiarati per loro. Ma per gli altri, in particolare i flussi di capitale a breve termine, i benefici per la crescita sono difficili da raccogliere, mentre i rischi, in termini di maggiore volatilità e un aumento del rischio di crisi, telaio di grandi dimensioni.

Nel caso di risanamento di bilancio, i costi di breve periodo in termini di minore produzione e benessere e un aumento della disoccupazione sono state minimizzato, e l’opportunità per i paesi con ampio spazio fiscale semplicemente vivere con debito elevato e permettendo di livello di indebitamento a diminuire organicamente attraverso la crescita è sottovalutato.

Un ciclo negativo

Inoltre, dal momento che sia l’apertura e l’austerità sono associati con l’aumento della disuguaglianza del reddito, questo effetto distributivo imposta un ciclo negativo di feedback. L’aumento della disuguaglianza generata dalla apertura finanziaria e di austerità potrebbe stessa crescita sottosquadri, la cosa che l’agenda neoliberista è intento a incrementare. Vi è ora una forte evidenza che la disuguaglianza può significativamente più basso sia il livello e la durata della crescita (Ostry, Berg, e Tsangarides, 2014).

La prova del danno economico da disuguaglianze suggerisce che i politici dovrebbero essere più aperti alla redistribuzione di quanto non siano. Naturalmente, a parte la ridistribuzione, politiche potrebbero essere progettate per mitigare alcuni degli effetti in caso anticipo-per, attraverso una maggiore spesa per l’istruzione e la formazione, che si espande l’uguaglianza di opportunità (cosiddette politiche Predistribuzione). E le strategie di risanamento dei conti pubblici, quando sono necessari, potrebbe essere progettato per ridurre al minimo l’impatto negativo sui gruppi a basso reddito. Ma in alcuni casi, le conseguenze distributive spiacevoli dovranno essere sanata dopo si verificano utilizzando le tasse e la spesa pubblica per ridistribuire il reddito. Fortunatamente, il timore che tali politiche saranno essi stessi necessariamente danneggiare la crescita è infondata (Ostry, 2014).

Trovare l’equilibrio

Questi risultati suggeriscono la necessità di una visione più sfumata di quello neoliberale è probabile che sia in grado di raggiungere. Il FMI, che sovrintende il sistema monetario internazionale, è stata in prima linea in questa riconsiderazione.

Ad esempio, il suo ex capo economista, Olivier Blanchard, ha detto nel 2010 che “ciò che è necessario in molte economie avanzate è un consolidamento fiscale a medio termine credibile, non un cappio fiscale oggi.” Tre anni dopo, direttore generale del FMI Christine Lagarde ha detto che la istituzione ritiene che il Congresso degli Stati Uniti ha fatto bene a sollevare soffitto debito del paese “, perché il punto non è quello di contrarre l’economia tagliando la spesa brutalmente ora il recupero è in ripresa”. E nel 2015 il FMI ha consigliato che i paesi della zona euro “con spazio fiscale dovrebbe usarlo per sostenere gli investimenti. “

In conto capitale liberalizzazione, vista del FMI ha anche cambiato, da uno che considera i controlli sui capitali, come quasi sempre controproducente per una maggiore accettazione di controlli per far fronte alla volatilità dei flussi di capitale. Il FMI riconosce anche che la piena liberalizzazione flusso di capitali non è sempre un obiettivo finale del caso, e che l’ulteriore liberalizzazione è più vantaggioso e meno rischioso se i paesi hanno raggiunto determinate soglie di sviluppo finanziario e istituzionale.

l’esperienza pionieristica del Cile con il neoliberismo ha ricevuto elogi da premio Nobel Friedman, ma molti economisti sono ora venire intorno alla visione più sfumata espresso dal professore della Columbia University Joseph Stiglitz (egli stesso un premio Nobel) che il Cile “è un esempio di successo dei mercati, che conciliano con apposito regolamento “(2002). Stiglitz ha osservato che nei primi anni della sua mossa per il neoliberismo, il Cile ha imposto “controlli sui flussi di capitale, in modo che non sarebbe stata inondata”, come, per esempio, il primo paese asiatico-crisi, in Thailandia, è stato un decennio e un mezzo più tardi. l’esperienza del Cile (il paese ora evita controlli sui capitali), e quella di altri paesi, suggeriscono che nessun ordine del giorno stabiliti offre buoni risultati per tutti i paesi per tutti i tempi. I politici e istituzioni come il Fondo monetario internazionale che li consigliano, devono essere guidati non per fede, ma per la prova di ciò che ha funzionato. ■

 

Jonathan D. Ostry è un vicedirettore, Prakash Loungani è un capo divisione e  è un economista, il tutto in Dipartimento di ricerca del FMI.

Riferimenti

Baldacci, Emanuele, Iva Petrova, Nazim Belhocine, Gabriela Dobrescu, e Samah Mazraani, 2011, ” La valutazione dello stress fiscale “, IMF Working Paper 11/100 (Washington: Fondo Monetario Internazionale).

Palla, Lorenzo, Davide Furceri, Daniel Leigh, e Prakash Loungani 2013, ” Gli effetti di tipo distributivo fiscale Austerità ,” documento di lavoro UN-DESA 129 (New York: Nazioni Unite).

Dell’Ariccia, Giovanni, Julian di Giovanni, André Faria, M. Ayhan Kose, Paolo Mauro, Jonathan D. Ostry, Martin Schindler, and Marco Terrones, 2008, Reaping the Benefits of Financial Globalization, IMF Occasional Paper 264 (Washington: International Monetary Fund).­

Furceri, Davide, e Prakash Loungani 2015, ” liberalizzazione in conto capitale e di disuguaglianza ,” IMF Working Paper 15/243 (Washington: Fondo Monetario Internazionale).

Ghosh, Atish R., Jun I. Kim, Enrique G. Mendoza, Jonathan D. Ostry, e Mahvash S. Qureshi, il 2013, “Fiscal fatica, fiscale Spazio e sostenibilità del debito nelle economie avanzate,” Economic Journal, vol. 123, n 566, pp. F4-F30.

Ghosh, Atish R., Jonathan D. Ostry, e Mahvash S. Qureshi, 2016, “Quando Do Capitale Afflusso Surges End in Tears?” American Economic Review, Vol. 106, n ° 5.

Mendoza, Enrique G., e Jonathan D. Ostry 2007, “La prova internazionale sul Fiscal solvibilità: è la politica fiscale ‘responsabile’?” Journal of Monetary Economics, vol. 55, No. 6, pp. 1081-1093.

Obstfeld, Maurice, 1998 “Il Global Capital Market: Benefattore o minaccia?” Journal of Economic Perspectives, vol. 12, No. 4, pp. 9-30.

Ostry, Jonathan D., 2014, ” Noi non dobbiamo vivere con la piaga della disuguaglianza ,” Financial Times 3 marzo.

, Andrew Berg, e Charalambos Tsangarides, 2014, ” La ridistribuzione, disuguaglianza, e crescita ,” IMF Staff di discussione Nota 14/02 (Washington: Fondo Monetario Internazionale).

Ostry, Jonathan D., Atish R. Ghosh, Marcos Chamon, e Mahvash S. Qureshi, 2012, “Strumenti per la gestione dei rischi, la stabilità finanziaria da l’afflusso di capitali,” Journal of International Economics, vol. 88, No. 2, pp. 407-21.

Ostry, Jonathan D., Atish R. Ghosh, Jun I. Kim e Mahvash Qureshi 2010, ” Fiscal Spazio ,” Posizione IMF Staff Nota 10/11 (Washington: Fondo Monetario Internazionale).

Ostry, Jonathan D., Atish R. Ghosh, e Raffaello Espinoza, 2015, ” Quando si deve Debito Pubblico essere ridotta? IMF Staff Discussione Nota 15/10″ (Washington: Fondo Monetario Internazionale).

Ostry, Jonathan D., Alessandro Prati, e Antonio Spilimbergo 2009, riforme strutturali e performance economica avanzata e sviluppo, FMI Occasional Paper 268 (Washington: Fondo Monetario Internazionale).

Rodrik, Dani, del 1998, ” Chi ha bisogno di Capital-convertibilità? ” Nel caso in cui il FMI Perseguire conto capitale convertibilità? Essays in International Finance 207 (Princeton, New Jersey: Princeton University).

Stiglitz, Joseph, del 2002, ” Il miracolo cileno: La combinazione di mercati con riforme adeguate ,” Comandante Heights intervista.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.